Natale, come here! – Corona di rose di brioche

corona di rose di brioche

Niente da fare.

Lo aspetto dall’alto, lo cerco nelle luci che illuminano la città, nei sorrisi della gente (pochi in verità), nelle cavità del mio naso.

Niente.

Ho perso il Natale e non riesco a trovarlo.

Forse è una questione di tempi, che quando non vengono rispettati sballano il senso delle cose.

Come i negozi addobbati precocemente all’inizio di Novembre, con circa un mese e mezzo di anticipo o l’albero di Natale, che per la prima volta in 32 anni non si è fatto l’8 ottobre, ma addirittura 4 giorni dopo, in un sabato mattina in cui, strascicata nel mio elegantissimo pigiama, ho tirato fuori scatoloni polverosi e coordinato quei tre geni della nasa dei miei uomini, che nel tempo che mi sono girata avevano già messo un sacco di palline, quando lo sanno tutti (tranne loro) che vanno montate prima le luci e poi il resto.

Insomma anticipi e ritardi hanno falsato il tempo e le aspettative.

Certo il momento in cui abbiamo scritto le lettere a Babbo Natale è stato piuttosto emozionante come sempre, con Gab che ha preso la penna e autografato la sua con la gioia e l’emozione di chi ha imparato a scrivere il proprio nome, mentre Claudio, da bravo fratello maggiore ha scritto la lettera con entusiasmo reggendo il gioco, pur essendo il terzo anno che conosce la dolorosa realtà legata alla scomparsa del mito di Babbo Natale.

Attimi, ma niente di più.

Fortuna che c’è la cucina, dove basta aprire i barattoli delle spezie giuste per indurre nei sensi il cambiamento. Biscottare, infornare e respirare le magie, in attesa che la festività che io più amo, trovi il suo giusto tempo, anche per me.

corona di rose di brioche

Corona di rose di brioche (al miele e cannella)

Ingredienti (per 12 rose di briosche)

Per l’impasto:

250 gr di farina manitoba

250 gr di farina 00

50 gr di miele d’acacia (potete usare anche un miele d’arancia, ma non usate un mille fiori o un miele grezzo che hanno un sapore troppo forte)

40 gr di olio di semi (oppure di burro fuso)

50 gr di zucchero

1 cucchiaino colmo di cannella in polvere

un cucchiaino di sale

1 uovo grande

5 gr di lievito di birra disidratato

175 ml di acqua tiepida (oppure 100 gr di acqua +75 gr di latte)

Zucchero a velo a piacere

 

Per la glassa (da spennellare prima e dopo aver infornato):

4 cucchiai di miele di acacia diluiti in un cucchiaio di acqua bollente

Questo corona di rose di brioche è di una bellezza spettacolare, tanto che perfino mr avarizia mio marito in persona, è rimasto affascinato dalla sua bellezza e non in ultimo dalla sua bontà, prodigandosi in quei complimenti che distribuisce con il contagocce.

Gabriele e Claudio hanno trangugiato una rosa alla volta decretando che sono la cuoca più brava del mondo e che erano disposti a mangiarla a colazione, quindi siamo alla terza volta in una settimana che sforno corone di rose e suppongo che essendo il mio intento quello di metterne due ad imbandire la tavola, continuerò a sfornarne per i prossimi 7 giorni.

Quella che vi propongo nella ricetta è una versione anche molto light, per l’assenza totale di derivati del latte (il che la rende perfetta per gli intolleranti), ma se volete potete sfornarne anche una più ricca ( vi ho indicato le variazioni con latte e burro).

Questa corona di brioche non è quel tipo di dolce che preparate con molto anticipo, perché come il pane, comincia a seccar presto.

corona di rose di brioche

Se la mangiate il giorno dopo, ripassatela in forno per 5 minuti e spennellatela nuovamente di glassa, ma se volete portarvi avanti con il lavoro della tavola di Natale, potete prepararla, lasciare che si raffreddi e ben avvolta in pellicola, congelarla e tirarla fuori nel pomeriggio della vigilia lasciando che si scongelino lentamente.

Non è un dolce molto zuccheroso e assomiglia ad un pane leggermente dolce, per cui noi lo abbiamo inondato di una bella spennellata di glassa supplementare e di una cascata di zucchero a velo (io ci ho anche calato una crema di nocciole, ma non ve l’ho detto).

Al di là del tempo di lievitazione, è un lievitato piuttosto semplice e con il video tutorial che vi propongo riuscirete a farlo senza problemi.

Ha due difetti: profuma di Natale e crea dipendenza.

Io ho preparato una corona con 8 rose in uno stampo a cerniera da 24 cm (le altre rose le ho cotte in un altro stampo), ma voi potete usare uno stampo da 26, da 28 o da 30 mantenendo come criterio solo lo spazio di circa 1,5 – 2 cm tra una rosa e l’altra.

corona di rose di brioche

Prepariamola!

Nella boule di una planetaria versate gli ingredienti secchi e date una mischiata.

Fate un buco al centro della farina e versate tutto il resto degli ingredienti ad eccezione dell’acqua (che dovrà essere tiepida, quindi scaldatela leggermente)

Azionate la planetaria a velocità media e dopo qualche secondo cominciate a versare l’acqua a filo.

Aumentate la velocità e impastate per circa 5 minuti o fin quando l’impasto non sarà incordato al gancio.

Rovesciate l’impasto su di una superfice, lavoratelo brevemente con le mani per renderlo liscio e formate una palla, che metterete in una ciotola ampia leggermente oliata e che coprirete con pellicola.

Lasciate riposare l’impasto per circa 2 ore o fino al raddoppio in forno spento con luce accesa.

Riprendete il vostro impasto, sgonfiatelo leggermente con le mani e stendetelo con un matterello in una sfoglia di circa 5 mm (dovrete compiere l’operazione più di una volta).

Con un taglia pasta circolare di 5 cm, ricavate 40 cerchi (5 per ogni rosa). n.b. i cerchi si restringeranno un po’ (è normale).

Sovrapponete i cerchi l’uno sull’altro, mettendo il cerchio successivo sulla metà di quello precedente e arrotolate senza fare pressione.

Aprite i petali delicatamente e tagliate l’estremità opposta con un coltello a lama liscia per creare la base del fiore.

Disponete 8 fiori in uno stampo a cerniera da 24 cm ricoperto da carta forno e al cui centro avrete posto un taglia pasta circolare (o una ciotola resistente al forno) e spennellateli generosamente con la glassa.

Infornate a 190° per 30 minuti o fino a dorature.

Lasciate raffreddare e fate una seconda generosa spennellata di glassa (seguita se vi va, da una cascata di zucchero a velo).

Buon natale!

corona di rose di brioche

 

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *