Anelli di cipolla fritti e ketchup homemade – Onion rings and home made ketchup

onion rings ketchup home made

Ai bei tempi che furono dell’università, quando andavo a sostenere un esame orale, ci andavo per prendere un 30 e lode.

Andare a prendere un 30 e lode presupponeva da parte mia uno studio approfondito della materia e una sicurezza -pur sempre preoccupata e nervosa, ma salda- tale da sostenere un colloquio sereno.

Se i presupposti non c’erano, allora io l’esame lo saltavo e riprogrammavo.

Essere più o meno certi delle proprie conoscenze è per me un presupposto fondamentale. Per dirla bruta, le figure di merda non le amo e la possibilità di evitarle me la da solo la sicurezza di conoscere gli argomenti da affrontare.

È per questo motivo che non mi sogno di tenere un corso di cucina anche se avesse per oggetto piatti che faccio ad occhi chiusi e mani legate. Non sono una chef, non ho studiato per diventarlo, ho imparato più cose negli ultimi due anni di blog sulla cucina di quanto abbia fatto nei precedenti 30 e non mi sentirei in grado di rispondere a domande tecniche sul cibo.

Questo non fa di me un’ignorante totale, ma come dicevo qualche riga più su, io vado per il 30 e lode, mai per un 18, quindi per ora mi limito a condividere ricette collaudate ed esperimenti casalinghi con chi ne ha voglia e con chi come me ama pasticciare fra le mura domestiche e cucinare per chi ama.

Dunque io sono una studentessa eterna e con questo spirito, unito ad una sana voglia di divertirmi e passare un pomeriggio spensierato in compagnia di una persona per me specialissima, che ho partecipato al corso di Benedetta Gargano ( alias la gastronomica volante) dal nome bellerrimo e degno della persona che lo teneva: “non tutti i mali vengono per cuocere”.

Una breve parentesi che se volete potrete approfondire QUI, devo dedicarla alla figura di Benedetta, che deve prendersi la responsabilità di avermi dato la luce come blogger 2 anni fa, dopo la partecipazione al primo corso a cui partecipai con lei come insegnante.

Insomma lei è la mia mamma spirituale, la mia musa e la mia maestra, oltre che la persona che più di tutte (e più di tutte forse senza intenzione e volontà) mi ha spronato e convinto a dare origine a questo luogo di scrittura, passione e devozione che è il mio blog.

Insomma che voi la amiate per questo o la malediciate per avermi donato l’ispirazione e la forza necessaria, io sono qui (anche e soprattutto) grazie a lei e al suo blog, che sono il modello su cui il mio ha preso vita.

Detto questo, che è una parentesi breve alla mia maniera prolissa, io ho partecipato al suo corso per “dummies” della cucina, per preparare in un pomeriggio tutto il necessario per fare un panino all’americana fatto in casa dalla A alla Z con il giusto impegno, ma senza troppe complicazioni.

Non mi sarei mai persa la possibilità di passare un pomeriggio in sua compagnia, ma da brava studentessa ero anche certa che avrei imparato da lei molte cose, così’ come ovviamente è avvenuto e dunque che: in primis che per fare un buon ham-burgher ci sono delle regole che ignoravo, in secondo luogo che esiste una variante vegetariana con i ceci da perdere la testa, e inoltre che è possibile farsi in casa oltre che una maionese super fast (che è esattamente la stessa che anche io realizzo sempre) anche una versione casalinga del ketchup che è anche la prima che mi ha lasciata di stucco per la bontà e l’incredibile (ma potremmo dire spiccicata) somiglianza a quella Heinz (che è IL KETCHUP per eccellenza).

Dunque ancora grazie a Benedetta e prepariamo insieme questa salsa e qualcosa (si fa per dire) da inzupparci dentro!

oriz 1

 

Onion ring (anelli di cipolla) e Ketchup fatto in casa

Ingredienti

 

Per gli anelli di cipolla

2 cipolle medie

150 gr di farina

1 ciotola d’acqua con ½ cucchiaino di bicarbonato

 

per la pastella:

80 gr di farina

1 uovo più un tuorlo

3-4 cucchiai di latte

sale q.b.

 

per la panatura

10 cucchiai di pan grattato

6 cucchiai di cereali corn flakes

la punta di un cucchiaio di paprika (facoltativo)

una macinata di pepe

 

olio di semi di arachidi

 

procedimento:

tagliate le cipolle in fette spesse mezzo cm (o più), dividete gli anelli e metteteli per 10 minuti in una ciotola colma d’acqua fredda in cui avrete sciolto il bicarbonato.

passo passo onion rings

Su di un panno pulito e asciutto stendete le cipolle e tamponatele per rimuovere l’acqua in eccesso.

In una ciotola mettete la farina, le uova e cominciate a mescolare aggiungendo un cucchiaio di latte alla volta fino a raggiungere una consistenza liscia e non troppo liquido.

Mettete da parte.

In una seconda ciotola ponete la farina assoluta e in una terza mettete il pan grattato, i cereali il pepe e la paprika e con la punta delle dita riducete in briciole i cereali.

passo passo onion rings

Prendete un anello di cipolla alla volta e passatelo prima nella farina rimuovendone l’eccesso, poi nella pastella e infine nella panatura.

Scaldate l’olio e immergete le cipolle facendole cuocere 2-3 minuti per lato.

L’olio deve essere ben caldo, ma fate attenzione che non lo sia troppo (una temperatura troppo elevata farebbe scurire velocemente la panatura senza cuocere le cipolle).

Fate asciugare l’eccesso d’olio su carta assorbente e servite caldissime (cercando di non fare come me che ne ho fritte 4 e mangiate 2 senza riuscire a smettere).

onion rings e ketchup home made

Il ketchup homemade

 

Ingredienti per un barattolo

170 gr di concentrato di pomodoro

120 gr di sciroppo di mais (se non lo trovate, usate un miele di acacia)

100 ml di aceto di vino bianco

60 ml di acqua

1 cucchiaio di zucchero

1 cucchiaino di sale

un pizzico di cipolla in polvere

un pizzico di aglio in polvere

 

Da spiegare non c’è molto, ma come preannunciato il risultato è eccezionale.

In un pentolino riunite tutti gli ingredienti in elenco, mescolate per bene e portate a bollore.

Fate cuocere dal bollore per 25 minuti rigirando spesso, poi lasciate raffreddare e servite per accompagnare un fritto a vostra scelta J

p.s. personalmente ho messo nei vasetti ben sterilizzati da conserva (invasando bollente e mettendo a testa in giù fino al giorno dopo) mono porzioni di ketchup per utilizzi successivi al primo. Se volete cimentarvi, leggete pure le regole della sterilizzazione dei barattoli qui.

onion rings e ketchup home made

14 Comments

  • Alessandra ha detto:

    Mi hai fatto venire una voglia di hamburger, anelli di cipolla e fiumi di ketchup che non hai idea! Brava brava 😀

  • Francesca ha detto:

    Che bontà suprema. Per un’amante dei panini e degli stuzzichini come me, è una ricetta fantastica.
    Brava
    Francesca

  • Marghe ha detto:

    Non puoi capire che voglia me ne hai fatto venire, con quella doratura perfetta!! Adesso te ne dico una che potrà sembrarti un’eresia, ma se ti fidi e ci provi poi ne riparliamo: una volta prova a mettere della cannella nella panatura, al posto della paprika. Sta un bene pazzesco con gli onion rings (l’unico ring che può competere con il solitario di Tiffany :D). Baci bacini

    • lacaprino ha detto:

      Concordo sul valore inestimabile di un anello di cipolla e ovviamente mi fido in toto del tuo suggerimento riguardante la cannella, che dovrò provare al più presto! Ti bacio!

  • Stefania ha detto:

    In questa casa affetti una cipolla e mio marito se ne esce con “cos’è questa puzza di cipolla?”… Alla fine ho deciso di ridurre al minimo l’impiego della cara erba aromatica, perciò immagini che voglia mi fa questo post?

  • Chiara ha detto:

    Ciao Francy 🙂 ma quanto è buon il tuo ketchup…l’ho preparato sabato, variando leggermente la ricetta perchè lo volevo piccantino, ed ha fatto un figurone! Oltre al fatto che ho adorato la preparazione, visto che è velocissima rispetto ad altre che avevo trovato e prevedevano mille passaggi e lavorazioni! Un abbraccio grande <3

  • ogni volta che passo di qua c’è da leccarsi i baffi! un abbraccio donna e mamma stupenda e tanti auguri per la tua donnina <3

  • Chiara ha detto:

    Ero convintissima di averti lasciato un commento, ma ho avuto dei problemi con la linea ultimamente…adoro i tuoi anelli di cipolla, hanno una faccia spettacolare, ma adoro ancora di più il tuo ketchup che ho rifatto il weekend scorso con un risultato spettacolare! A differenza di altre ricette lette in passato la tua è veramente velocissima e dal risultato top…l’ho reso bello piccantino con della paprika forte ed è andato a ruba come intingolo per le patatine fritte!
    Un abbraccio grande Francy

    • lacaprino ha detto:

      mi credi se ti dico che non mi sono mai collegata al blog nell’ultima settimana e che il precedente commento era in approvazione e non segnalato da una mail? insomma, c’è qualcuno che trascura il blog? 🙂
      cara Chiara, sono contentissima che tu abbia provato il ketchup e abbia potuto constatare che in effetti è davvero una ricetta super affidabile per smettere di comprare quello confezionato e cominciare una bella produzione home made 🙂 ti confesso che ormai qui il problema è smettere di far fritti per poterceli intingere dentro!
      un abbraccio grande a te e mille grazie.

  • Elisa Russo ha detto:

    Alla fine ce l’ho fatta a passare per leggere questo post. Sono pessima e incasinata. Volevo passare già il giorno dopo per salvare la ricetta e farlo, ma non è mai troppo tardi. Questa ricetta è veloce e gli anelli di cipolla goduriosi. Lo faccio agli ospiti non paganti e ti faccio sapere. Grazie bimba, un abbraccio ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *