Tempo tiranno – Gnocchi di rucola ripieni con radicchio, crescenza e speck

gnocchi di rucola ripieniSembra che il tempo mi sia nemico, ma non demordo.

Anche se poco fa era mezzanotte e come la migliore delle cenerentole io ramazzavo il pavimento del bagno con tanto di ginocchia per terra, caviglie gonfissime (che naturalmente cenerentola non ha mai avuto) e super panza esplosiva che non c’è un essere umano che non pensi che io sia li lì per sgravare nonostante alla data del parto manchino ancora 3 mesi, ora sono qui a fare quello che mi piace e che mi rilassa di più: scrivere in questo blog.

Che non si pensi che quella che abbandona il consorte a notti solitarie sia io, perché vi confesso che mio marito, impegnato nelle riprese notturne del suo ultimo film, ormai lo vedo quei 10 minuti abbondanti la mattina prima di accompagnare i bambini a scuola e ogni 23 ore e 50 minuti da quel momento.

Insomma, in quelle che apparentemente sembrano le sembianze di una ragazza madre ingravidata per la terza volta dal fantasma formaggino, io mi barcameno nelle attività quotidiane con costanza, ma mai senza quel senso di angoscia che mi assale quando guardo l’orologio e sono in ritardo con tutte, ma proprio tutte le attività che mi sono preposta di portare a termine.

Oltre all’orologio, altro nemico dietro l’angolo sembra essere il suo parente maggiore per numeri e complessità del tempo: il calendario.

Quando le date sul calendario si avvicinano, il ritardo che di solito è in minuti e quando è grave sono ore, diventa un ritardo abominevole di giorni e in casi estremi di settimane.

Lo giuro, non so perché ritardo sempre e perché lo scorrere del tempo più che limitarsi a scorrere in secondi, minuti, ore, giorni e settimane, scivoli via dalla mia percezione non lasciandomi spazio, ma è così.

Sono nata e cresciuta ritardataria, ma periodicamente dovete lasciarmi il diritto di lamentarmi di qualcosa che so che è colpa mia, ma che non per questo ogni tanto mi vede imprecare e lamentarmi come una poppante. Inoltre a mia discolpa vorrei dire che ci sono parecchi ormoni che circolano liberamente senza che io ne abbia il controllo totale e quindi vi tocca sopportarmi.

Tutta questa prolissa e logorroica introduzione, per dirvi che l’appuntamento mensile con la bellissima iniziativa delle mie amiche blogger Bloggalline di #scambiamociunaricetta ha come termine ultimo di condivisione (guardate un po’), la data odierna.

Per rinfrescarvi la memoria, ogni mese io ho l’occasione di scoprire il blog di una mia collega cui sono abbianata, ravanare nel suo ricettario, prendere una ricetta dal cilindro e trasformarla in un’occasione di scambio dove voi conoscete lei attraverso questo blog e qualcun altro conosce il mio blog attraverso un blog che a sua volta rifarà una mia ricetta.

Questo mese il mio abbinamento mi ha lasciata particolarmente soddisfatta.

Ho il sospetto che Elena sia davvero una brava cuoca e confesso che non è stato semplice dover scegliere tra le centinaia di appetitose ricette corredate dalle sue splendide foto.

Conoscevo già Elena, redattrice collega in ifood, ma è stata un’occasione splendida per perdermi nel suo bellissimo blog Saltando in Padella e scoprire tutta la bravura e la fantasia che mette in cucina.

Siccome in questo periodo sono una “pastara disperata” e ho anche la planetaria in manutenzione, ho pensato che impastare a mano questi gnocchi (ricetta originale qui), fosse un bell’atto d’amore verso me stessa e verso il tempo, che lento e profumato, mi ha impegnata in una mattina dove l’orologio non ha battuto l’ora e la cucina non ha visto tregua.

gnocchi di rucola ripieni

Gnocchi alla rucola ripieni di radicchio e crescenza

Ingredienti per 3-4 persone (circa 25 gnocchetti)

Per le dosi sono andata un po’ ad occhio rispetto a quelle di Elena, ma sotto vi scrivo le proporzioni esatte che io ho calcolato.

2 patate medie (250 gr in totale)

100 gr di farina 00 più 30 gr c.a. per lo spolvero del piano

70 gr di farina di semola di grano duro

50 gr di rucola già pulita

¼ di cipolla

mezzo radicchio tondo

100 gr di crescenza

5 cucchiai di parmigiano (3 per il ripieno e 2 sugli gnocchi pronti)

70 gr di speck in un’unica fetta

olio evo (3 cucchiai per la crema di rucola e 2 per soffriggere il radicchio)

30 gr di burro

sale e pepe q.b.

 

Per prima cosa vi devo avvertire che questo piatto è delizioso e che è un piatto “figurone” se avete degli ospiti a cena. In più, potete preparare gli gnocchi con anticipo (conservandoli in frigo)e cuocerli al momento del pranzo o della cena.

gnocchi di rucola ripieni

Cominciamo!

Per prima cosa mettete a bollire le patate precedentemente lavate e messe in acqua fredda, fin quando non risulteranno tenere inserendo una forchetta.

Una volta cotte, privatele dell’acqua e lasciate che raffreddino completamente.

Tagliate ¼ d cipolla a dadini e fatela soffriggere in un pentolino.

Una volta che sarà imbiondita, aggiungete il radicchio lavato e tritato a coltello, salate e fate appassire per 5-7 minuti. Fate raffreddare completamente e tenete da parte.

Nel bicchiere di un mixer mettete la rucola pulita e frullate con olio evo fino ad ottenere un emulsione liscia.

Disponete le farine precedentemente mischiate su una spianatoia e fate il classico foro centrale a fontana; aggiungete la crema di rucola e le patate private della buccia e schiacciate con l’apposito schiacciapatate.

Salate leggermente e lavorate l’impasto fin quando non appiccicherà le mani (aggiungete eventualmente poca farina per volta).

Avvolgete l’impasto in pellicola e fate riposare per una ventina di minuti.

Mettete a bollire una pentola con acqua e sale.

Preparate il ripieno aggiungendo alla crescenza il parmigiano, il pepe e il radicchio e mescolate per amalgamare.

Riprendete l’impasto, stendetelo su una superfice leggermente infarinata, dividetelo in filoncini che dividerete poi in parti uguali.

Prendete una porzione di impasto, formate un cerchietto sul palmo della mano, adagiatevi su mezzo cucchiaino di farcia, sigillate i bordi pizzicando prima con le dita e poi roteando la pallina nei palmi della mani. Procedete fino ad ultimare l’impasto.

In una padella fate fondere il burro e fate rosolare leggermente lo speck tagliato a striscioline.

Immergete gli gnocchi 5-6 alla volta nell’acqua in ebollizione e fate cuocere fin quando non risaliranno in superfice.

Prelevateli con una schiumarola e metteteli nella padella con il burro.

Aggiungete qualche cucchiaio di acqua di cottura al fondo di burro, mantecate pochi secondi e servite con parmigiano e pepe macinato al momento.

Gnocchi di rucola ripieni

1 Comment

  • saltandoinpadella ha detto:

    Mi hai fatto commuovere 🙂
    Sono felice che gli gnocchi ti siano piaciuti. Il video è delizioso, l’ho trovato proprio simpatico e anche fatto benissimo, carina anche la musichetta Io non ho ancora capito come farne venire uno decente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *